Twitter apre agli account verificati per tutti gli utenti

Twitter si conferma social network in continua evoluzione e con un occhio di riguardo per i suoi iscritti. L’ultima miglioria messa in campo dagli sviluppatori concerne la possibilità, data a qualsiasi persona voglia iscriversi o sia già iscritta sul social, di fare richiesta per un account verificato. Attraverso un comunicato la società ha fatto sapere di aver messo a punto un “form” attraverso cui vi sarà modo di fare richiesta per ottenere il riconoscimento di account verificato. Chi usa normalmente Twitter sa che questo tipo di account, riconoscibile per mezzo di un’icona di colore azzurro, consente a chi si muove sul social di avere la certezza che quella persona o organizzazione di cui si leggono i “cinguettii” non sia, per usare un gergo da internauta, un “fake”, ovvero qualcuno che si spaccia per quell’utente.

Cosa cambia rispetto al presente?

Sino all’annuncio odierno tale possibilità era sfruttabile e veniva concessa soltanto a personaggi noti e ad organizzazioni operanti su scala nazionale ed internazionale. Ora Twitter ha deciso di cambiare quella che è la propria politica in merito agli account verificati e quindi di dare modo a qualsiasi persona iscritta di richiedere un account verificato. Lo scopo di tale scelta è quella di venire in soccorso degli utenti e di consentire loro di estendere quella che è la propria rete di contatti avendo la certezza di non andare ad intaccarne la qualità e l’affidabilità.

Alcuni dubbi sull’effettività del cambiamento

Tuttavia vi sono alcune perplessità in merito all’effettività di questo cambiamento. Alcuni, tra analisti ed utenti, ricordano come su poco più di 300 milioni di utenti attivi, solo poco meno di 200 mila siano gli account con lo status di “verificati”. Inoltre permane il dubbio riguardo alla possibilità per qualsiasi persona, anche un semplice utente che non rientra nelle categorie che fino ad oggi hanno potuto usufruire di questo status, di potersene giovare a partire da oggi. Questo dubbio è palesato dal comunicato pubblicato da Twitter, nel quale il social, rivolgendosi direttamente ad ogni singolo utente, prima ricorda come da sempre vengano approvati account gestiti da utenti impegnati nei più svariati campi artistici, culturali, economici e di ogni campo rientrante in “aree chiave di interesse” e poi inviti l’utente a leggere tutte le info su come fare richiesta per un account verificato, nel caso in cui ritenga che il suo account risponda ai requisiti che lo renderebbero di “interesse pubblico” e che quindi dovrebbe avere lo status di verificato.

Cosa cambia in realtà?

Al momento quindi non si capisce se il cambiamento riguarderà o meno tutti gli utenti che giornalmente “cinguettano” sul social. In realtà sembra abbastanza palese che la domanda per avere lo status di account verificato potrà essere fatta da chiunque utilizzi il social, ma che l’ottenimento dello stesso sarà condizionato al fatto di rientrare in alcune precise categorie di persone o realtà iscritte sul social. Va però detto che tra i requisiti che bisogna rispettare per poter aspirare al riconoscimento ve ne sono alcuni che sembrano studiati per eliminare i profili falsi e tutti quelli che pubblicano contenuti di stampo razzista e discriminatorio. Questo pensiero è dato dal fatto che tra i vari requisiti sono richiesti il possesso di un indirizzo email e di un numero di telefono verificati. Per capire l’entità della svolta non resta che aspettare.